polo_tecnologico (1)

E' stato firmato mercoledì 24 giugno presso la sala Giunta del Comune di Cremona, tra CRIT – Cremona Information Technology, Comune di Cremona, AEM Cremona e C.S.A. Consorzio Servizi e Appalti, la convenzione di cofinanziamento per il Polo delle Tecnologie.
La firma segna il via ufficiale alla costruzione del Polo che sorgerà nell’area denominata ‘Cremona City Hub’ all’incrocio tra via Persico e via dell'Annona, i lavori iniziano fra pochi giorni e il Polo sarà operativo da settembre 2016

Il Polo tecnologico, o meglio definito Distretto tecnologico, è il risultato di una sinergia fra pubblico e privato, il pubblico che ha velocizzato tutta la parte burocratica di questo importante progetto e il privato che invece ha investito economicamente. Investimento anche da parte di Regione Lombardia, visto che il Polo ha potuto beneficiare di un contributo grazie all’assegnazione del bando Aster.
Inizia ora la fase esecutiva, con la demolizione e lo sgombero delle aree e la costruzione del Polo pochi mesi ancora e poi il tutto sarà realizzato
L’area interessata dai lavori si estende per una superficie di circa 12.000 mq ed è destinato ad ospitare le aziende che fanno parte del CRIT e che hanno finanziato il progetto (Microdata group, MilUp e Lineacom), ma ci sarà anche un area di circa 500 mq divisa in piccoli uffici a disposizione di aziende cremonesi nell’IT e di quanti vorranno far parte di questo distretto. Un’area sarà destinata anche a coworking con una 40 di postazioni in openspace. Un Cobox più in grande quindi occuperà parte di questo “quartiere generale del digitale cremonese”.

Anche Cremona finalmente punta con questo progetto al digitale come possibile sviluppo economico per la città, in grado di diventare centro attrattivo verso aziende, start-up tecnologiche e professionisti che operano nell’ICT, che potranno scegliere questa città come luogo ideale di lavoro e di vita, grazie ad un’importante infrastruttura tecnologica, quale la banda larga, un’ottima qualità di vita e un’interattività e contaminazione con altre aziende, condizione necessaria oggi per sviluppare business.

Ecco il comunicato stampa ufficiale del CRIT.

[gallery ids="108,109,110,111,112"]